Crea sito

D

Decorrenti: lamelle che scorrono lungo il gambo. I funghi appartenenti al genere Clitocybe hanno le lamelle decorrenti.

Deliquescenti: dicesi così, di lamelle che a maturazione si liquefanno. Es. Funghi appartenenti al genere Coprinus

Dendroide: vedi Habitus.

Dentato: è detto così l’orlo della lamella quando presenta dei piccoli denti.

Depresso: dicesi così del pileo quando ha la sua parte centrale leggermente concava.

Dermatocistidio: cistidio che si forma sulla cuticola del pileo.

Destrinoide: spora che a contatto del reattivo di Melzer assume una colorazione bruno-rossa.

Determinazione: il termine è relativo alla identificazione di una specie ; determinare un fungo vuol dire trovare la specie al quale esso appartiene.

Diaframma: membrana di separazione tra la gleba e la subgleba.

Diagnosi: è la breve descrizione dei caratteri essenziali di un fungo. Secondo le regole della nomenclatura serve alla convalida di un nuovo taxon. Il"Codice Internazionale di Nomenclatura per Alghe Funghi e Piante" tenutosi a Melbourne nel 2011, ha stabilito che la diagnosi in latino non è più strettamente obbligatoria, consentendo che la descrizione venga fatta anche e solo in lingua inglese.

Dimidiato: riferito al pileo. In molti casi i Poliporei hanno lo stipite ; in altri sono sessili ed il loro pileo aderisce al supporto come una mensola semi circolare e quindi ridotto della metà.

Dimitico: è un sistema ifale costituito da due tipi di ife : generatrici e connettive o generatrici e strutturali. Es.: Laetiporus sulphureus.

Diploide: questo termine, dopo l'unione dei due gameti, indica lo stato dello zigoto il cui  numero dei cromosomi diventa doppio (2n). Con la "meiosi" il numero dei cromosomi ritorna normale.

Disco: parte centrale del pileo più o meno espansa.

Discolore: il fungo è discolore quando pileo e stipite hanno diversa colorazione.

Divergente: dicesi così quando nella zona centrale della trama delle lamelle, divergono due correnti di ife che vanno trasversalmente verso l'esterno. Es. funghi appartenenti al genere Amanita.

Doppio: dicesi così di un anello quando ha la parte superiore costituita da residui del velo parziale e quella inferiore formata da residui del velo generale. Es.: anello dei funghi appartenenti al genere Lepiota.

Dorso: linea di inserzione della lamella nella carne del cappello.