Crea sito

Jean Louis Emil Boudier (1828-1920)

foto pubblicata sul periodico "Mycological Notes" (1898-1925) di C.G.Lloyd

Micologo francese nato a Garnay (Eure et Loire). Dopo un tirocinio nella farmacia del padre, iniziato all’età di dodici anni, si iscrisse alla scuola superiore di farmacia di Parigi e nel 1852 conseguì il diploma di farmacista di prima classe.
   Il titolo gli consentì di aprire una farmacia ad Enghien. In seguito si trasferì a Montmorency per occuparsi della farmacia del padre e vi restò fino al 1878. Nello stesso anno abbandonò la professione di farmacista per dedicarsi esclusivamente ai suoi amati studi micologici. Nel 1914 si ritirò in casa delle sorelle a Blois ove visse fino al termine dei suoi giorni.
   Il motivo predominante perché egli si dedicasse completamente alla micologia fu la conoscenza di Leveillé (1796-1870). Colui che per primo aveva individuato l’esistenza dei basidi, pervenendo così alla fondamentale distinzione nei funghi in basidiomiceti e ascomiceti, faceva lunghe passeggiate e Boudier che lo accompagnava oltre a diventargli amico fu affascinato dal mondo della micologia. 
   Nel 1854 fu tra coloro che fondarono la “Société Botanique de France” che presiedette nel 1901.
   Nel 1884 fu tra coloro che fondarono la “Société Mycologique de France” della quale fu vice presidente negli anni 1885-1886, in seguito presidente e successivamente presidente onorario.
   In “Histoire et Classification des Discomycètes d’Europe” –  Parigi 1907 - , Boudier dette vita ad una nuova e naturale distinzione di questi funghi in “opercolati” ed “inopercolati”. Nei primi l’asco si apre secondo una fessura circolare, creando così un opercolo che sollevandosi lascia fuoriuscire le spore, mentre nei secondi l’asco si apre alla sommità con un semplice foro, facilitato dalla lacerazione del tessuto.
    Boudier è stato anche l’autore delle “Icones Mycologicae” Esse furono stampate tra il 1905 e il 1910 e contengono 600 tavole disegnate dall’autore con rara maestria e ineguagliabile talento.
 

Nicola Pibol